Archivio | Green City RSS for this section

city fabric

Questa è un’ipotetica urbanizzazione che utilizza principalmente edifici HERBY Indoor di varie altezze (max 360m).

city fabric linear

Lo schema stradale utilizzato è un reticolo quadrato di m270x270 a sensi unici alternati su due livelli e raccordi curvi che  creano un sistema di circolazione per autoveicoli privo di incroci.

fabric city road mesh

I due livelli stradali facilitano l’accesso a uno o due piani interrati di parcheggi. L’aggregazione delle torri utilizza la geometria del BOX  FRATTALE;fractalquesto permette di avere una buona esposizione di tutte le facciate degli edifici e allo stesso tempo di creare delle “montagne edificate” che introducono multipolarità e varietà sul rigido reticolo ortogonale. Ogni “montagna” è composta da 5×5 edifici HERBY indoor con una quantità e varietà di spazi pedonali paragonabile a quella di un centro storico di una città europea. (vedi  INDOOR CITY GREEN)

fabric city indoorindoor city fabric

Lo schema ultra semplificato di strade e  parcheggi è congeniale all’utilizzo di sistemi di trasporto pubblico a guida automatica (Google Car …) e privato a guida mista (manuale e automatica).

fabric city green

fabric city green front

H city indoor plan

fabric city hill

fabric city roads

fabric city fractal

Annunci

INDOOR CITY GREEN

Scenario ottenuto aggregando un edificio HERBY INDOOR + uno spazio circondato da edifici tradizionali coperto di circa un ha (100x100m in grado di contenere 8000 persone sedute) + un “mini herby indoor” con rampa coperta che collega 3 livelli e un sovrappasso pedonale…

Indoor City green plan sect

L’intero complesso occupa circa 5ha, contiene 1000 alloggi (4000 abitanti) + negozi, uffici e uno spazio pubblico indoor tridimensionale, molto vario, grande quanto una piccola città medioevale italiana.

L’aspetto architettonico esterno è quello di una montagna edificata

City green indoor

indoor city front

Indoor City green front

Questa idea soddisfa sia le idee degli ecologisti che quelle degli antiecologisti:

Per i primi si propone un modello di alta densità con spazio pubblico 3d pedonale che evita il consumo esagerato di suolo che limita l’uso dei trasporti individuali, con un sistema di climatizzazione naturale…

Per i secondi, i quali credono che il riscaldamento globale non dipende dall’uomo, si propone un modello comunque in grado di offrire un ampio habitat indoor con clima regolato in presenza di qualsiasi avversità atmosferica esterna …

Climate controlled city

Herby indoor è l’ideale per creare degli ambienti semiaperti con un sistema di climatizzazione e ventilazione naturale che sfrutta l’effetto camino (o termitaio) specialmente nei climi caldi.

Si ottiene, inoltre, la massima efficienza nell’uso dei sistemi che micro nebulizzano l’acqua in quanto oltre ad abbassare la temperatura dell’aria possono essere utilizzati per l’irrigazione del manto erboso e delle piante interne sulla rampa elicoidale.

indoor city tower

Herby indoor is ideal for creating semi-open environments with an air conditioning system that uses natural ventilation and the stack effect (or termite mound), especially in warm climates.

Climate control termit mound

Ventilation scheme of termite mound

The inner square looks like a real “city indoor” with an amphitheater and a revival of monumental historical facades.

Is obtained, in addition, the maximum efficiency in the use of micro systems that atomize the water as well as lowering the temperature of the air can be used for the irrigation of the grass and plants on the internal helical ramp.

termit mound

 

Termite  mound

PULSAR  CITY

neutron star pulsar

Cosa c’entrano le stelle con le città?

Io credo si possa fare delle analogie:

Con l’avvento dell’automobile le “vecchie” Città sono esplose.  Al loro posto insulse periferie uguali in tutto il mondo.

Come  stelle che, alla fine esplosiva della loro vita,  si espandono, spegnendosi in  nebulose morte.

Ci possono però essere esiti differenti:  i residui dell’esplosione si ricompattano e rivivono in una forma più piccola ma enormemente più concentrata, come la stella di neutroni o Pulsar.

Analogamente Immagino Herby Indoor come una forma più concentrata di città;    una “pulsar city” all’interno della “città generica”.

indoor city futur

With the advent of the automobile the old  City exploded.  In their place, silly suburbs same all over the world.

Like stars, the explosive end of their life, they expand, dying in nebulae death.

However, there may be different outcomes:  the residue of the explosion bunched up and live again in a smaller form but much more concentrated, such as the neutron star or “Pulsar”.

Similarly guess Indoor Herby as a more concentrated form of the city;  a “pulsar city” in the suburbs.

Herby indoor city

… la città, secondo la sentenza de’ filosofi, è una certa casa grande, e per l’opposto la casa non è che una piccola città…

L.B.Alberti  “de re aedificatoria libri decem”, Firenze 1485;  tradotti da Cosimo Bartoli,  Roma 1784.

Si immagina con difficoltà una società che saprebbe negare il corpo così come si è negata progressivamente l’anima. Eppure, è verso questa società che ci dirigiamo.

Virilio “L’orizzonte negativo. Saggio di dromoscopia”, Parigi 1984

Mentre pensavo ad una versione ridotta della herby torre indoor cilindrica mi sono ricordato di questo misterioso disegno di John Hejduk.

Hejduk_Arch in Love

Non conosco le motivazioni autentiche che hanno spinto Hejduk a pensare quelle forme tuttavia per me rappresentano una sorta di “custodia” dello spazio del corpo umano in via di sparizione.

indoor city 01

Indoor city Hejduk

In questa “interpretazione” del disegno di Hejduk, con gradonata da teatro romano, cielo radiale/circolare e strada a spirale ascendente, mi sembra possa ricrearsi lo spazio pubblico/civile della città oggi in dissoluzione.

O la  scena in cui l’uomo alienato contemporaneo può, per lo meno, recitare la propria reincarnazione.

vertical city 02

indoor city tower

city indoor square

indoor city square 02

city tower square

Le facciate esterne e interne possono variare utilizzando le attuali tecnologie di illuminazione delle pareti vetrate  (facciata-schermo, vetri stampati ecc.)

expressionist pop building

city tower square 02

the city, according to the judgment of philosophers, is some great home, and the opposite the house is not a small city.   L.B.Alberti  “de re aedificatoria libri decem”,

It is difficult to imagine a society would know that denying the body as it is progressively denied the soul. Still, it is to this society that we strive.  P. Virilio  “L’orizon négatif. Essai de dromoscopie”

While I was thinking about a smaller version of the h.e.r.b.y. indoor cylindrical tower,  I was reminded of this mysterious design of John Hejduk.

I do not know the real reasons that led Hejduk think those forms, however, represent for me a “custody” of the space of the human body in the process of disappearing.

In this “interpretation” of the design Hejduk, with the roman theater, sky radial/circular and winding road ascending, i think we can recreate the public/civil space of the city, now in dissolution.

Or the scene in which the alienated modern man can, at least, recite his own reincarnation.

Expressionist tower butterfly

expressionist  building

tower bridge city

EXPO HERBY

Herby + Personal Rapid Transit (PRT) si presta ad essere applicato anche su edifici esistenti.

Di seguito un esempio che trasforma le torri realizzate, ma in gran parte inutilizzate, dall’immobiliarista Ligresti a Milano a ridosso dell’autostrada e dell’area EXPO 2015.

EXPO 2015

Il percorso rampe-giardini pensili rende “accessibili pubblicamente” i primi 3-4 piani degli edifici e ospita la fermata di un sistema di trasporto pubblico leggero sopraelevato che potrebbe collegare l’area dell’EXPO 2015 (e della fiera) ed aree più centrali di Milano come  Montestella o “Portello”.

EXPO MILANO alternativa

 

 

GREEN EXPO 2015

Un’idea che promuove la riqualificazione innovativa contro la nuova edificazione o la mera conservazione.

EcoMobility expo

 

Expressionist (eolic) Herby indoor

I guess this building located in a windy, desolate area of the far north of the planet, where you work to extract resources for energy-consuming human civilization today.
Inspired by the works of artists such as Edvard Munch and Francis Bacon, from the designs of the architect John Hejduk and from reading the book by Laurence Smith “The world in 2050”.

E’ una delle tante forme che può assumere Herby indoor.

Immagino questo edificio situato in una ventosa e desolata zona dell’estremo nord del pianeta, dove si lavora ad estrarre le risorse  per l’energivora civiltà umana odierna.    Ispirato dalle opere di artisti come Edvard Munch e Francis Bacon, dai disegni dell’architetto John Hejduk e dalla lettura del libro di Laurence Smith  “2050, il futuro del nuovo Nord”.

expressionist herby

expressionist tower section

eolic tower 2

korn building

eolic tower expressionist

Approfondimenti

In an unspecified Venetian “field” where stands the house of the inhabitant “who has refused to participate”.

In front of it rises a tower built out of stone, from which any citizen may observe unseen the inhabitant of the refusal, by means of a play windows-mirrors.   John Hejduk  1978.

Uno sviluppo interno di Herby indoor direttamente ispirato al progetto di Hejduk : “casa dell’abitante che rifiuta di partecipare”

eolic tower section

Expressionist indoor field

Expressionist city tower

Expressionist indoor tower

eco tower section

Evoluzione Herby “indoor”

Lo spazio pubblico nelle aree del pianeta dove la crescita urbana è  più imponente sta evolvendo verso modelli “indoor”: Questi spazi  sono, sempre più frequentemente all’interno di edifici, chiusi, sorvegliati, climatizzati.  Tale mutazione dipende da diverse cause, le principali sono :

  • L’invasione e la conseguente distruzione dello spazio pubblico tradizionale (formato da strade e piazze) da parte del traffico automobilistico con la conseguente estromissione del pedone.
  • Il fatto che lo sviluppo urbano più accelerato sta avvenendo in aree caratterizzate da climi estremi.
  • Che questo rapido e consistente sviluppo di concentrazioni metropolitane  genera frequentemente  squilibri sociali che compromettono la sicurezza pubblica.
  • Che molte di queste aree in crescita sono infestate da virus di malattie endemiche e da insetti portatori.

trafficjam

Spazio pubblico invaso dal traffico automobilistico

Queste considerazioni hanno fatto nascere l’idea di un HERBY “indoor” dove la caratteristica rampa inverdita diventa ancor più simile ad una strada in salita contenuta, proprio come in un centro storico, da ambo i lati da una sequenza di facciate alte 4-5 piani e chiusura superiore. 

herby indoor 03

La strada elicoidale interna è illuminata naturalmente da lucernai zenitali e da ampie e varie aperture laterali ricavate nel corpo di fabbrica  perimetrale.

Dal punto di vista tipologico l’edificio è formato da un semplice fabbricato a corte con ballatoio interno che racchiude una torre herby centrale.

herby old city

La sezione evidenzia la varietà dello spazio pubblico interno della soluzione base a pianta quadrata    (L’aspetto classico serve ad evidenziare la similitudine con una strada  di un centro storico tradizionale italiano).

urban tower

La valenza dell’idea risulta evidente soprattutto considerando  la facile  impostazione tipologica, in grado di articolare lo spazio pubblico interno combinandosi con semplici variazioni del corpo perimetrale.

Indoor city

Lo schema sopra evidenzia la varietà delle forme con la possibilità di integrare lo spazio elicoidale interno con altri di maggiore dimensione, ma sempre indoor.

 I vantaggi di HERBY INDOOR :

Razionalizza la tipologia herby in quanto distribuisce la relativa complessità della rampa inclinata all’interno di una volumetria ordinaria molto più consistente, riducendo quindi, proporzionalmente, i costi complessivi.

La notevole dimensione e regolarità del volume climatizzato, unita  al fatto che l’involucro isolante non è più in corrispondenza della rampa, come nella soluzione aperta, semplifica e rende molto più economica questa versione di herby.

Consente lo sviluppo di soluzioni architettoniche ad elevata densità in grado però di mantenere la vivibilità dei centri urbani storici o spontanei.

La semplicità strutturale di questa soluzione, ottimizza l’integrazione della rampa inclinata e l’eventuale linea PRT all’interno dell’edificio.

All’interno della versione base di herby indoor, con una linea PRT a sensi di marcia sovrapposti, è possibile inserire la fermata in un modo estremamente semplice sfruttando il percorso inclinato interno per collegare i due livelli e impegnando solo un lato dell’edificio.

prt + green tower

La linea PRT  *  integrata  semplicemente all’edificio herby indoor

Con la stessa facilità, utilizzando un corpo perimetrale circolare, si può inserire  l’incrocio a rotatoria con la relativa fermata.

La nuova tipologia Herby indoor unita al PRT mantiene la stessa versatilità della versione superlight. Le caratteristiche di questa nuova versione consentono una facile integrazione con quegli  schemi urbanistici  semplificati in grado di rispondere alle rapide  crescite delle città dei paesi emergenti ma che mantengono quel minimo di vivibilità e di innovazione, in particolare nel campo della mobilità, indispensabile per uno sviluppo futuro sostenibile.

green building

green urbanism

* La Molinaroarchitettura   progettista del sistema Herby,  collabora con          Sky Cab  e   la società Greenova           (che detiene l’esclusiva per la commercializzazione in Italia)    per  ottimizzare l’applicazione del sistema  PRT  integrato agli edifici.

Herby indoor brick

Herby indoor con integrata linea PRT sospesa (versione base)

Eco building_0005

Masterplan con Herby indoor + ponte pedonale

Indoor City flower